Santa o strega? Donne e devianza religiosa tra Medioevo ed Età moderna


PREZZO : EUR 29,00€
CODICE: ISBN 8875458499 EAN 9788875458492
AUTORE/CURATORE/ARTISTA :
Autore:
EDITORE/PRODUTTORE :
COLLANA/SERIE :
DISPONIBILITA': Disponibile


TITOLO/DENOMINAZIONE:
Santa o strega? Donne e devianza religiosa tra Medioevo ed Età moderna

PREZZO : EUR 29,00€

CODICE :
ISBN 8875458499
EAN 9788875458492

AUTORE/CURATORE/ARTISTA :
Autore:

EDITORE/PRODUTTORE:


COLLANA/SERIE:


ANNO:
1999

DISPONIBILITA':
Disponibile

CARATTERISTICHE TECNICHE:
352 pagine
15 ill. b/n
Brossura
cm 14 x 20,5 x 1,8
gr 370

DESCRIZIONE:

Commento dell'editore e quarta di copertina:
In una prospettiva non teologica, ma di storia dei fenomeni religiosi, il libro analizza i fattori che hanno portato donne dalla personalità eccezionale (per intelligenza, cultura, potere, testimonianza religiosa o altro) aessere considerate delle sante, oppure delle streghe, per ragioni spesso ambivalenti. Per parecchi secoli non poche donne vennero infatti venerate come sante dal popolo e condannate come streghe dalla Chiesa, peressere, poi, rivalutate dopo la loro morte sul rogo. Peter Dinzelbacher approfondisce il sottile discrimine che passa fra due opposti modi di giudicare una medesima personalità femminile, cercando di uscire dall'alternativa santa/strega per ricostruire nel tessuto storico, politico, sociale dell'epoca gli elementi che hanno di volta in volta condotto a quel giudizio, e mettendo in evidenza come proprio le donne fossero obbligate ad assumere posizioni estreme, sovente spettacolari ed equivoche per la mentalità del tempo, al fine di affermare una propria dimensione vuoi individuale, vuoi religiosa. Emerge così che personalità storicamente e univocamente tramandate come diaboliche streghe o come veneratissime mistiche possedevano in realtà tratti molto più ricchi e sfaccettati. Elaborando fonti tedesche e francesi, spagnole e italiane, l'autore mira quindi a demolire stereotipi e pregiudizi molto diffusi, ricostruendo una specificità femminile, spesso non riconducibile ai cliché del potere istituzionale.

Indice:
11 Premessa
15 I. SANTE O STREGHE?
21 Sante ritenute streghe
33 La santa e la strega
40 Streghe ritenute sante
63 Sante eretiche?
67 Casi clinici?
79 Le finte sante
95 La frode pia
101 Le reazioni dei cristiani "normali"
107 II. IL MODEELLO DI SANTITÀ FEMMINILE E LO STEREOTIPO DELLA STREGA
107 La santità mistica
127 Le sante vive
136 Lo stereotipo della strega
153 Mistici e maghi
165 III. SANTE E STREGHE: LE ANALOGIE
167 Il rapporto con la divinità
171 Entusiasmo e possessione
182 Entusiasmo divino o possessione diabolica?
186 L'apparizione della divinità
190 L'erotismo
200 La gravidanza
206 Il patto
209 I segni dell'appartenenza soprannaturale
213 Il patire
217 La festa: incontro con Dio o con il Diavolo
221 Estasi e visioni
223 I doni profetici
225 Le conoscenze segrete
226 La magia
251 Il volo
256 L'esaltazione dell'eucarestia
259 Un'analogia meno frequente: il digiuno
263 IV. SANTE E STREGHE: LE DIFFERENZE
265 Il discernimento degli spiriti
279 I metodi fisici di conrrollo
283 L'autocontrollo
289 La concorrenza fra le mistiche
294 I gruppi di pressione
299 V. IL DUALISMO DELLA RELIGIONE CRISTIANA
311 Posfazione
315 Note
327 Indicazioni bibliografiche
341 Indice delle illustrazioni
343 Indice dei nomi.


ARGOMENTO: , , , , , , ,
GENERE: , ,